Carlos-barraza-logo-50

Anticorpi di Hashimoto | Come sto lavorando per ridurli 👊

Uno degli indicatori chiave da individuare quando viene diagnosticato l’ipotiroidismo è la ricerca degli autoanticorpi antitiroperossidasi TPO e degli anticorpi tireoglobulici TGAB.

Avere questi marcatori alti significa che si è affetti da Hashimoto e che si devono iniziare a fare dei cambiamenti nella propria vita.

Continuate a leggere per conoscere alcuni consigli su come ridurre gli anticorpi di Hashimoto e su cosa non fare per aumentarli.

Anticorpi di Hashimoto
Scritto da
Indice

Ho gli anticorpi di Hashimoto alti, cosa significa?

Quando si manifestano i vari sintomi dell’ipotiroidismo, di solito si va da un medico normale o convenzionale per dire che “non mi sento bene, sto perdendo i capelli, ho la pancia che si gonfia, il mio intestino fa un sacco di rumore, non riesco a dormire bene, mi sento a corto di energia, mi sento depresso, mi vengono le eruzioni cutanee”. E i molteplici sintomi che potrebbero comparire e, in qualche modo, se si è abbastanza fortunati, il medico eseguirà un esame della tiroide per verificare se c’è uno squilibrio ormonale.

Gli esami di laboratorio della tiroide controlleranno principalmente il T3, il T4 e il TSH. Se il medico si limita a fare questo test, è possibile che vi siate persi un altro esame importante.

Se il TSH è alto, è probabile che i medici le somministrino solo levotiroxina e che questa sia l’unica soluzione.

Come ho detto nella mia testimonianza sull’Hashimoto, la guarigione dall’Hashimoto o dall’ipotiroidismo è molto più che prendere una pillola.

Quindi, con il passare del tempo e l’assunzione di levotiroxina, i sintomi potrebbero tornare e ci si potrebbe chiedere: perché?

Si torna dal medico, si ricontrollano le analisi della tiroide, ma, sorpresa, il mio TSH è normale, ma mi sento di merda, PERCHE’?

Il medico, non avendo alcuna idea, potrebbe essere infastidito da un paziente che viene più volte perché non trova la risposta, quindi naturalmente cerchiamo un altro medico che faccia il test per il TPO e il TGAB, gli anticorpi di Hashimoto.

Quindi, essendo etichettata come ipotiroidea, ora la persona riceve l’etichetta di Hashimoto.

Se siete riusciti a trovare un medico di medicina funzionale, o un medico con maggiore esperienza con i disturbi autoimmuni, vi spiegherà immediatamente, ma se non è così, vi rimarrà la domanda: perché?

Le ragioni per cui una persona può avere anticorpi di Hashimoto elevati sono molteplici, la più comune delle quali è la presenza di una perdita intestinale.

Giovane donna confusa

Anticorpi di Hashimoto ma TSH normale

Quando una persona ha gli anticorpi di Hashimoto ma un TSH normale è un chiaro segno di dove la persona deve lavorare per guarire.

I sintomi dell’ipotiroidismo sono stati comunemente, ed erroneamente, imputati alla tiroide.

La farfalla che si posa sul nostro collo ha il minimo difetto in questa equazione.

Il nostro stato di salute equivale a ciò che diamo al nostro corpo e soprattutto al nostro intestino. Letteralmente, come si dice, siamo ciò che mangiamo, e se diamo al nostro corpo solo cibo spazzatura, alla fine il corpo può dare risultati spazzatura.

La tiroide può funzionare bene e anche con un supporto aggiuntivo che può essere la levotiroxina o la tiroide essiccata naturale, per questo motivo gli esami del TSH potrebbero essere normali.

Le cause dei sintomi possono andare al di là di ciò che dicono gli esami di laboratorio.

Cos’altro può scatenare i sintomi?

Dovremmo iniziare a vedere il corpo come un insieme e non come entità separate. Siamo corpo, mente e spirito e la somma delle parti crea l’intera equazione.

Le persone sono abituate a rivolgersi a un cardiologo, se si tratta di un problema cardiaco, a un nutrizionista se la persona ha bisogno di una dieta, a uno psicologo se ha bisogno di una terapia, a un endocrinologo se c’è un problema alla tiroide, ma è necessario cambiare mentalità e vedere che diverse aree possono essere quelle che si manifestano in altre parti del corpo.

Si tratta quindi di un cambiamento di paradigma: il trattamento convenzionale per l’Hashimoto deve essere adattato a ciò che funziona effettivamente.

L’Hashimoto non è una malattia della tiroide, ma un disturbo autoimmune e la persona deve concentrarsi sulle diverse aree del corpo per ristabilire l’equilibrio ed eventualmente abbassare gli anticorpi di Hashimoto.

Consigli per ridurre gli anticorpi di Hashimoto

Così, dopo essere tornata dalla Germania in Messico, mi sono concentrata sulla ricerca di un “VERO MEDICO”, che potesse davvero aiutarmi.

Purtroppo, l’ignoranza di alcuni medici può avere un impatto negativo sulla salute del paziente e, poiché ho indagato su ciò che ha aiutato altri a guarire dall’Hashimoto, ho deciso di cercare un medico funzionale in Messico.

La Medicina Funzionale è una tendenza nel campo della medicina, ma non mi soffermo molto sul nome, bensì ritengo che un approccio naturale con una prospettiva olistica alle soluzioni sia quello che può effettivamente aiutare una persona a guarire.

Alla fine, chi guarisce è il corpo stesso con la mente e lo spirito, e non le pillole che vengono somministrate.

Così, quando finalmente ho trovato il mio medico di medicina funzionale, ci siamo concentrati su diverse aree e anche sugli anticorpi di Hashimoto.

In un test effettuato nel maggio 2021, ho presentato i seguenti anticorpi di Hashimoto elevati.

Hashimoto Antibodies Carlos Barraza 18 May 2021

In quel periodo, quindi, ci si è concentrati sul recupero dell’intestino con la L-glutammina, si è ripreso un basso dosaggio di levotiroxina e si sono aggiunti altri integratori per altre carenze nutrizionali e per l’omocisteina, come la vitamina B e D.

Ho completato la mia terapia con i succhi, che consisteva principalmente nel bere un buon succo verde naturale, un succo di barbabietole-carote-mela, un frullato di papaya-latte di cocco o il mio latte in polvere di cacao biologico-cocco-noci-peacani-cinamomo-2% di latte magro.

Il latte è stato considerato negativo per alcune autoimmuni, ma come hanno dimostrato i miei test di sensibilità alimentare, il diario non ha alcun impatto sulla mia reazione autoimmune e potrei aggiungerlo alla mia dieta Hashimoto.

Durante questo periodo, ho cambiato la marca di levotiroxina. Questa è stata la CHIAVE per sentirmi meglio.

Nell’agosto del 2021, ho eseguito nuovamente alcuni esami di laboratorio e i miei anticorpi di Hashimoto si sono abbassati! Ero così felice di aver visto dei miglioramenti, ma anche di sentirli.

Dopo un anno di ritorno in Messico, ho notato un sonno migliore, una maggiore energia e una salute complessivamente migliore, anche se avevo ancora alcuni sintomi come crampi alle gambe, dolori alle braccia o al petto, che ritenevo fossero dovuti a danni ai tessuti causati dal precedente trattamento. marca di levotiroxina che mi ha fatto sentire malissimo.

Hashimoto Antibodies Carlos Barraza 10 August 2021

Quindi, dopo questi risultati, ho dovuto cambiare mentalità per lavorare anche sullo stress.

Poiché anch’io ho mostrato risultati bassi di pregenolone, l’obiettivo era quello di essere più rilassato, di assumere alcuni integratori che supportano le surrenali, di trascorrere più tempo nella natura e, in generale, di ridurre lo stress.

Ma con il ritorno dell’inverno, ho lottato con il freddo della mia città natale. Non avevo più le dita blu-violacee, conosciute soprattutto come Fenomeno di Raynaud, e questo era un bene. Questo è stato supportato dall’assunzione di levotiroxina e dall’assunzione di tè al cinnamomo e allo zenzero.

Inoltre, non è stato possibile trascorrere del tempo all’aperto, ma ho comunque cercato di espormi al sole per almeno 15 minuti.

Poiché mi sentivo bene, ho deciso di inserire nella mia dieta uova e succo d’arancia. Si tratta di alimenti per i quali ho manifestato una reazione autoimmune.

Quindi, dopo un’altra visita dal mio medico nell’aprile 2022, ho ottenuto i seguenti esami.

Hashimoto Antibodies Carlos Barraza 11 April 2022

In qualche modo ero delusa, perché per me significava fare passi indietro nella mia guarigione.

Dopo aver parlato con il medico se aggiungere nuovamente l’uovo alla mia dieta avrebbe potuto avere un impatto, la risposta è stata che non è necessario.

L’obiettivo dovrebbe essere quello di continuare a dedicare tempo alla guarigione del rivestimento intestinale per ridurre la permeabilità e gli anticorpi.

Finora mi ha aiutato e influenzato.

In seguito condivido i consigli per ridurre gli anticorpi di Hashimoto elevati.

Mantenere la dieta Hashimoto

Cucchiai di metallo di varie farine senza glutine

Come ho già detto, siamo unici nel senso del corpo.

Non siamo uguali nella materia, siamo uguali nello spirito, ma nel corpo fisico ciò che colpisce o guarisce me, potrebbe non essere lo stesso per voi.

Per questo motivo, piuttosto che consigliare cosa mangiare o quali alimenti evitare per l’Hashimoto, il modo migliore è quello di fare i propri test personali sulle sensibilità alimentari e scoprire realmente cosa ci colpisce.

Scoprite a quali alimenti il vostro corpo reagisce e crea gli anticorpi di Hashimoto.

In generale, però, i glutei devono essere eliminati dalla dieta.

Lavorare sui livelli di cortisolo e stress

fiume tranquillo

Abbiamo sentito parlare di stress, ma lo stress in sé non è negativo.

Siamo destinati ad avere l’ormone cortisolo e a far fronte a diverse situazioni che possono metterci in una situazione di stress.

L’effetto che può avere su una persona è quello di trovarsi in una situazione di stress costante.

È come accelerare un’auto e accelerare il gas fino a quando i giri non bastano più ed esplode.

Così è il corpo, se non siamo in grado di creare un ritmo di vita che possa avere alti picchi di stress, ma anche di proliferare le situazioni a basso livello di stress, allora anche il corpo ne risentirà.

Sì, esistono integratori di supporto allo stress, ma non è solo su questo che dobbiamo fare affidamento.

È importante trovare attività che ci aiutino a gestire lo stress. Può essere lo yoga, il mindulness, la lettura, il tempo con la natura, il tempo con la famiglia, l’esercizio fisico a bassa intensità, qualsiasi cosa, ma deve regalarvi momenti di pace.

Vitamina D

Donna che prende il sole su un gonfiabile

È stato dimostrato che la vitamina D ha un impatto sul sistema immunitario.

Prendersi del tempo per stare al sole è importante per recuperare i livelli di vitamina D.

Fino a 15 minuti al giorno è ok, essere in spiaggia sarebbe perfetto.

La vitamina D può anche aiutare a regolare e ridurre gli anticorpi autoimmuni.

Può essere assunto anche come integratore per l’Hashimoto.

Consultare il medico se si necessita di levotiroxina o in forma naturale.

medico che consulta il paziente

Per quanto riguarda l’esperienza, la levotiroxina, o la terapia ormonale sostitutiva, ha aiutato la tiroide a svolgere il suo lavoro.

Come già accennato, è bene verificare con il proprio medico quale potrebbe essere l’opzione migliore per l’Hashimoto.

Per me, alcune marche di levotiroxina non hanno funzionato, ma grazie a Dio ne ho trovata una che non mi genera palpitazioni, tremori e disturbi del sonno.

La marca è Karet, ma come ho detto, per me ha funzionato, ma probabilmente ci possono essere marche per altre persone che funzionano.

Inoltre, di recente si sta promuovendo nuovamente l’uso della tiroide essiccata naturale, dove alcuni pazienti stanno ottenendo buoni risultati.

A seconda del paese o della disponibilità, questa potrebbe essere un’opzione…

Rafforzare l'intestino

Uomo in abbigliamento sportivo nero che corre su per le scale

La guarigione è ogni giorno, e la guarigione non è lineare, questo sicuramente si impara con il tempo.

I piccoli passi che facciamo oggi sono il punto di arrivo di domani.

Per guarire l’intestino ci vuole tempo, come avete visto e probabilmente anche da soli.

L-Glutammina, integratori di supporto intestinale, brodo d’ossa, semi di lino, kefir, pre e pro biotici sono alcuni elementi che possono favorire la guarigione dell’intestino.

Vedrò in futuro cosa mi ha aiutato ancora di più, quindi l’obiettivo per continuare a migliorare ora sarà quello di guarire l’intestino.

Per saperne di più sul corpo