Carlos-barraza-logo-50

Pubblicità ingannevole, come non cadere nella trappola?

Tutti siamo caduti nella trappola della pubblicità ingannevole. E il fatto è che è progettato in modo tale che quasi nessuno può sfuggire alle sue grinfie.

In questo articolo vogliamo dirvi non solo cos’è la pubblicità ingannevole, ma anche un paio di esempi che vi aiuteranno a riconoscerla immediatamente.

Scritto da

Questo articolo è disponibile anche in: English Español Deutsch Italiano Français Русский العربية

Indice

Cos'è la pubblicità ingannevole?

Quando si parla di pubblicità ingannevole, ci si riferisce a quella che, nella fretta di vendere di più, travisa o falsifica l’informazione, di solito promettendo aspetti incomparabili.

Forse avete sentito parlare di quel prodotto che è stato lanciato sul mercato pubblicizzando caratteristiche uniche, quando in realtà ha le stesse caratteristiche di qualsiasi altro prodotto del suo genere sul mercato. Tralasciando il fatto che la pubblicità ha uno scopo informativo, non importa quanto sia semplificata.

Ciò che la gente si aspetta di sapere quando presta attenzione a qualsiasi tipo di pubblicità è che cosa è il prodotto o il servizio, quali sono gli usi che si possono fare di esso, o i vantaggi che può offrire a noi come consumatori, come potrebbe beneficiarci rispetto ad altri, tra gli altri punti.

L’origine della pubblicità ingannevole potrebbe essere vista nella necessità che alcune persone hanno di prendere la pubblicità non da un punto di vista informativo, ma dal voler convincere il consumatore ad optare per loro, senza nemmeno preoccuparsi di educarlo sul loro prodotto o servizio.
Questa è una posizione completamente errata, ma molti la usano da molti anni con l’intenzione di giustificare le esagerazioni, o le bugie, che si sperimentano nelle loro campagne. Qualcosa che, in realtà, non ha alcuna giustificazione o necessità.

Molti fornitori si nascondono addirittura dietro il pensiero che gli utenti non hanno necessariamente bisogno di ricevere tutte le informazioni giuste e veritiere su un prodotto o servizio. Quindi si sentono liberi di modificarlo il più possibile per cercare di renderlo solo “un po’ più attraente”. Questo non è vero.

Mislead, parola in 3D lettere dell'alfabeto di legno con mis barrato lasciando la parola piombo.

Perché le aziende non dovrebbero usare queste tattiche?

Capiamo che, quando facciamo una campagna pubblicitaria per lanciare il nostro prodotto o servizio al pubblico, vogliamo mettere insieme un piano che lo catapulti davvero nella mente di tutto il nostro pubblico target nel minor tempo possibile.
Tuttavia, dobbiamo essere consapevoli che una cosa è evidenziare le qualità del nostro prodotto o servizio, e un’altra è esagerarle, o mentire, perché suona attraente quando lo sentiamo nella frase. Ma lascia molte lacune al consumatore che sono garantite nella pubblicità.

Perché le aziende non dovrebbero usare la pubblicità ingannevole, a partire dal fatto che potrebbero subire delle sanzioni, che di per sé porterebbe loro molti problemi in termini di questioni legali, per non parlare del caso che diventi popolare e finisca per danneggiare la loro immagine.

L’impatto che può essere causato da una multa è grande. Principalmente si vedrà il danno nelle vendite, che saranno influenzate in modo tale da diminuire e persino creare perdite per il fornitore, che è qualcosa che nessuno vuole davvero per i suoi affari, società o impresa.

D’altra parte, bisogna tenere presente la questione della credibilità, della fiducia e del prestigio. Potreste non pensare che questi aspetti siano molto importanti all’inizio, ma se volete fare più di un singolo colpo al mercato, dovrete preoccuparvi molto di questi tre punti.

E pensate che avete fatto una campagna pubblicitaria ingannevole che è andata così bene che non siete stati scoperti finché non avete triplicato il vostro investimento. Ma vi siete mai chiesti chi comprerà il prossimo prodotto che porterete sul mercato? La tua vita come fornitore sarà finita.

Esempi di pubblicità ingannevole

Vi daremo un paio di esempi di pubblicità ingannevole diffusa basata sulle campagne fraudolente che si vedono più comunemente sul mercato.

Non sentitevi male se ci siete cascati, dopo tutto, sono progettati per cercare di manipolare anche le menti più brillanti:

Quelli che mentono...

È quando il fornitore è responsabile di fornire come informazioni vere, molti dati che sono falsi, o che davvero non possono essere verificati.
Un buon esempio di questo caso sono tutte le promesse che vediamo nell’aria di perdere peso in modo magico, che è comune nel mercato degli integratori alimentari.

In questo caso sappiamo di multe per campagne pubblicitarie ingannevoli a scopo “terapeutico” dove hanno usato frasi come “aiuta la perdita di peso”, “con questo puoi correggere la postura del tuo corpo”, tra molti altri benefici che non sono veri.

La pubblicità sulla base dei benefici gentilmente concessi dal fornitore, che è un obbligo legale...

In questi casi, il fornitore fa credere al consumatore che sta offrendo qualche beneficio o servizio “extra” che gli darà solo di sua spontanea volontà, quando in realtà sta citando un obbligo imposto dalla legge.

In questi casi di pubblicità ingannevole che di solito troviamo con le compagnie di telefonia mobile, dove ti vendono la possibilità di migrare a un’altra compagnia, o di restituire un prodotto che è stato acquistato a distanza.

Riferimenti
Per saperne di più sui social media