Carlos-barraza-logo-50

Importanza della comunicazione interculturale | Definizione, esempi e competenze

La comunicazione interculturale va oltre il semplice parlare le lingue, la comunicazione interculturale si basa sulla comprensione delle diverse culture del mondo.
Scritto da

Indice

Importanza della comunicazione interculturale

L'opinione di Carlos -
Comunicazione interculturale.

Ho studiato un master alla Hochschule Heilbronn su International Business & Intercultural Management.

La parte del programma comprendeva anche argomenti relativi alle diverse culture del mondo.

Certamente, quella parte del maestro è stata una delle più piacevoli, e soprattutto perché nella nostra generazione, eravamo un gruppo che aveva persone da tutto il mondo.

Certo, non posso dire che siamo stati totalmente globali, e non abbiamo avuto da nessun singolo paese, ma certamente abbiamo avuto l’opportunità di sperimentare conoscendo diverse culture.

Eravamo persone provenienti dall’Asia, dall’Europa, da discendenti africani e, naturalmente, dall’America.

Penso che ciò che arricchisce questo tipo di master sono i compagni di classe e i professori che alla fine diventano amici e persino familiari.

Imparare le diverse prospettive sulle loro culture, mi fa capire come vivono, agiscono, reagiscono e godono e amano la vita.

Non so se posso dire che è stata fortuna, ma ogni aspetto diverso di ogni singola persona, indipendentemente dalla sua nazionalità, religione, orientamento sessuale e altro, siamo stati in grado di costruire un gruppo coeso, completo e unito.

Certo, non eravamo sempre insieme, ma in qualche modo siamo riusciti a costruire un gruppo unito durante il nostro periodo alla Hochschule Heilbronn.

E qual è stata la lezione imparata?

Beh, facile come la pratica che abbiamo fatto ogni singolo giorno sulla comunicazione interculturale.

Vivere in Germania e in Europa, rende ancora più facile la comunicazione costante con le comunità internazionali.

Heilbronn è una delle città tedesche con il maggior numero di nazionalità diverse in Germania, per quanto ne so.

Studiare, vivere e lavorare a Heilbronn è stata l’occasione per sviluppare le mie capacità di comunicazione interculturale.

Abilità che andavano oltre il semplice cambiamento della lingua che parlavamo in mezzo.

La comunicazione interculturale va oltre il semplice passaggio dallo spagnolo all’inglese o al tedesco.

La comunicazione interculturale va anche nella comprensione della loro cultura, delle loro credenze e dei loro desideri.

Le comunità internazionali hanno uno sfondo diverso, ma come nel mio caso, persone internazionali che vivono in una città come Heilbronn, o qualsiasi altra, l’obiettivo era anche quello di godere e amare la nostra vita, indipendentemente da dove eravamo, e con chi.

Le capacità di comunicazione interculturale e i valori sviluppati sono la tolleranza, il rispetto, la comprensione e anche la risoluzione dei problemi da prospettive diverse.

Inoltre, in un ambiente professionale, essere in grado di comunicare con i tedeschi per continuare a migliorare e raggiungere risultati è stato importante per imparare ad adattarsi.

Ad ARP Europe, il team aveva l’obiettivo di lavorare con 6 paesi diversi.

E in Bechtle, l’obiettivo era più su base coporativa.

Continuo con questo argomento creato dal team di redazione in modo che si spera che aiuti anche voi a capire quanto sia importante la comunicazione interculturale, la sua definizione, gli esempi e le competenze che possono aiutare anche voi.

Tutto è collegato, e per quanto si possa pensare che le nostre azioni non influenzino altre città, regioni e paesi, ci si sbaglia.

Alla fine, penso che siamo cittadini del mondo, e il nostro compito è quello di rendere migliore il nostro metro quadrato.

Plakat-Barraza-MIBIM-final

Cos'è la comunicazione interculturale?

Purtroppo, per quanto il mondo sia diventato avanzato, la comunicazione interculturale non ha ancora l’importanza che merita.

Questo continua a generare conflitti in ogni parte del mondo.

Impara in questo articolo come la negazione di una pratica può portare al razzismo, alle incomprensioni, e altro per costruire un ponte verso un comportamento più completo, tollerante, diverso e rispettoso.

Quando si parla di comunicazione interculturale, ci si riferisce alla comunicazione tra parlanti di lingue e culture diverse.

Non può avvenire tra persone che appartengono alla stessa parte del mondo.

Gli interlocutori che partecipano a questi incontri interculturali sono stati precedentemente sottoposti a diversi processi di socializzazione e hanno quindi potuto sviluppare diversi quadri di conoscenza.

È la loro competenza interculturale che permette loro di soddisfare efficacemente i loro bisogni comunicativi.

Quando si parla dello studio della comunicazione interculturale, bisogna notare che è nato, o ha avuto i suoi inizi, negli Stati Uniti negli anni ’40, quando l’informazione linguistica e antropologica ha cominciato ad essere offerta al personale diplomatico del paese in cui è riconosciuta l’origine di tutto.

Se vogliamo attribuire l’inizio degli studi interculturali al di fuori del campo interculturale, allora dobbiamo evidenziare l’opera The Silent Way, che fu pubblicata nel 1959 da Edward T. Hall.

Qualcosa che senza dubbio ha iniziato un movimento che non smetterà di avanzare.

Dopo i due eventi rilevanti che ebbero luogo, e che abbiamo già menzionato, nel 1960 si verificò un evento di uguale importanza.

Ed è che l’interesse a saperne di più su un modo efficace di comunicare tra le culture è aumentato con la creazione dei Corpi di Pace.

Oggi si può fare una distinzione tra due tipi di comunicazione interculturale. Il primo è interpersonale, che avviene tra individui.

Il secondo è mediato, stabilito tra i media e i membri della società. Entrambi sono interconnessi.

Atteggiamenti per una comunicazione interculturale efficace

Nel 1999, M. Rodrigo ha rivelato cinque atteggiamenti che sarebbero le chiavi per una comunicazione interculturale efficace.

Dal momento della loro pubblicazione, sono stati valorizzati, e sono i seguenti:

Che gli interlocutori sono motivati a conoscere l'altra cultura, e mostrano empatia con ogni aspetto di essa.

Che gli interlocutori prendano coscienza della propria cultura e di quali sono i loro processi di comunicazione.

Che gli interlocutori prestino attenzione a ciascuno degli elementi che fanno parte della cosiddetta comunicazione non verbale.

Che gli interlocutori tengano presente, e accettino, che anche i malintesi fanno parte degli incontri interculturali. Ed è anche possibile imparare da loro aspetti di altre culture.

Che gli interlocutori partecipanti facciano uno sforzo reale per interpretare il significato e l'intenzione delle parole espresse dall'altra parte. In altre parole, questo può essere importante non solo per capire il significato del messaggio, ma anche per capire la forza illocutiva che va di pari passo con esso.

Vantaggi dellacomunicazione interculturale

Anche se ci sono un paio di difficoltà con la comunicazione interculturale, si può anche vederne il lato positivo.

Ci sono molti vantaggi da ottenere da ciò che alcune persone potrebbero non rendersi conto che è una pratica che può diventare un fattore determinante nel futuro del mondo.

Uno dei principali vantaggi della comunicazione interculturale è il fatto che promuove la gentilezza e la cortesia.

Non è necessario comprendere pienamente ogni dettaglio di una cultura, le sue pratiche o credenze, ma è vitale che ci sia rispetto per esse.

Si può anche dire che è un grande vantaggio quando si vuole imparare le abitudini e le aspettative di una cultura prima di essere coinvolti in qualsiasi tipo di situazione economica con essa. Ecco perché molti paesi conducono questi studi prima di stipulare accordi.

Dal proprio punto di vista, quando un gruppo di persone si prende il tempo di prepararsi per una cultura diversa, aiuta che ci sia uno shock culturale.

Questo li farà, con la transizione, accettare ogni aspetto dell’altro, senza perdere lo stesso.

A parte questo, quando si conduce una conversazione interculturale si impara a prestare attenzione ad altri dettagli che non sono necessariamente le parole delle persone.

Si impara a studiare le azioni, le espressioni facciali e il tono della voce.

Questo è particolarmente vero nelle culture ad alto contesto.

Questo si ottiene perché ci rendiamo conto che ci sono molti segnali all’interno di una conversazione che non sono di natura verbale.

Questi sono spesso la chiave per comprendere pienamente il messaggio che stiamo ricevendo, cosa che evita l’incomprensione.

Lacomunicazione interculturale è importante anche nel mondo del lavoro.

Ci sono molti benefici della comunicazione interculturale che possiamo indicare come vantaggi della comunicazione interculturale.

Non solo dovrebbe essere vista come l’opportunità perfetta per imparare da culture diverse, ma anche da persone diverse da quelle con cui socializziamo quotidianamente.

Nel mondo moderno questa è una pratica più che importante, avere una buona attitudine e saper gestire la comunicazione interculturale è un requisito più che necessario per molti lavori.

Soprattutto se sei uno di quelli che sognano che la tua azienda ti mandi nella sua filiale dall’altra parte del mondo.

Dovrebbe essere visto come un grande vantaggio che ci permette di sviluppare una grande comprensione dell’alterità e di ciò che è straniero.

Ci aiuta anche a riconoscere tutta l’umanità e la diversità che può esistere in parti del mondo di cui forse non conosciamo nemmeno l’esistenza.

Tuttavia, questo non è un fatto che non ci permette di beneficiare personalmente.

I vantaggi della comunicazione interculturale possono essere modificati per adattarsi al nostro ambiente di lavoro, così come il fatto di viaggiare in paesi stranieri e adattarsi meglio all’ambiente.

Perché la comunicazione interculturale è importante

A questo punto dell’articolo sembra che abbiamo già parlato molto del perché la comunicazione interculturale è importante.

Ma la verità è che è una pratica di cui possiamo ancora sottolineare molti aspetti che ci aiutano a darle il valore che realmente merita.

Nel mondo c’è una grande varietà di ideologie, credenze e lingue diverse che possono creare conflitti per il semplice fatto di non conoscerle.

E, se vogliamo davvero rendere questo pianeta un posto più empatico con gli altri, dobbiamo prendere il tempo per studiare almeno le basi.

Forse non lo sapete, ma sono le ideologie che giustificano le nostre azioni, i sistemi e il modo di pensare di tutti noi.

Le persone che hanno il compito di creare e definire le culture lo fanno con la loro ideologia in mente.

Ecco perché lo studio dell’ideologia è essenziale per capire la cultura degli altri.

Spesso incontriamo persone che credono che la loro cultura sia superiore a qualsiasi altra, e questo è un problema fondamentale per il mondo.

L’etnocentrismo è un problema che contribuisce alla formazione di razzismo, discriminazione e anche pregiudizio tra persone di diverse parti del mondo.

L’etnocentrismo può forse essere attribuito alla globalizzazione, al progresso e alla modernità.

Molte culture industrializzate e modernizzate credono di essere il meglio che ci sia, e ogni altra cultura dovrebbe seguire il loro modello per essere almeno in qualche modo rispettabile.

L’importanza della comunicazione interculturale sta nel fatto che, sapendo chi siamo, cosa pensiamo e cosa facciamo, ci permettiamo di conoscere meglio chi è diverso da noi senza giudicare, solo per capire aspetti di loro e anche per imparare a convivere e rispettare il loro modo di essere.

Preoccuparsi di conoscere gli altri può aiutarci a migliorare noi stessi.

In alcuni casi è stato l’etnocentrismo stesso che ha portato molte culture a trascurare aspetti della propria per preoccuparsi di ciò che pensano sia sbagliato, o deviante, negli altri.

Quando vogliamo guardare il nostro vicino per indicare ciò che è sbagliato, e cercare di cambiarlo con la forza, non siamo in grado di guardare quegli aspetti che possono farci crescere e creare un ambiente di apprendimento bidirezionale, dove c’è così tanta empatia che entrambe le culture prendono tratti positivi l’una dall’altra e li implementano.

La questione dell’etnocentrismo, e tutto ciò che ne deriva, ha a che fare con le persone che non riconoscono l’importanza della comunicazione interculturale.

Tanti problemi, come quelli menzionati sopra, potrebbero essere guariti semplicemente cambiando il modo in cui vediamo l’altro.

Importanza della comunicazione interculturale

Indice

Più su Leadership.