Carlos-barraza-logo-50

Ansia e Hashimoto | La risposta è nell’intestino!

Un sintomo comune da avere quando non si ha a che fare con la propria malattia autoimmune è l’ansia. L’ansia e la Hashimoto sono ben collegate, ma iniziano nell’intestino.
Ansia e Hashimoto La risposta è nell'intestino
Scritto da

Indice

Avrei voluto sapere prima la connessione tra Ansia e Hashimoto.

E crescendo, potremmo aver sentito le lotte che l’ansia porta al corpo.

In generale, i sintomi generali sono: sensazione di nervosismo, senso di paura e pericolo, aumento della frequenza cardiaca, pressione al petto, tremori, e alcuni altri sensi di preoccupazione.

Come ricordo un attacco d’ansia che ho avuto, è stato dopo una semplice serata di sushi in cui ho bevuto un paio di bicchieri di tè freddo.

Un’ora dopo ho iniziato a sentire i sintomi di ansia menzionati in precedenza e mi sono sentito orribile, nel corpo e nella mente.

Sono stato portato in un ospedale dove sono stato controllato e, naturalmente, tutti i miei segni vitali erano normali, quindi mi hanno solo iniettato un tranquillante.

Certo, come risposta veloce, probabilmente era lo zucchero del tè freddo, ma a quell’estremo con il mio dramma personale che “mi sentivo morire”.

In realtà, i miei continui viaggi con alcuni medici sono stati perché “non mi sento bene”, e questa è una cosa comune che accade nelle malattie autoimmuni.

Quando andavo quelle volte dai medici, controllavo i miei esami del sangue in generale, e facevo anche alcuni test del chardio, e stavo perfettamente bene, ma da dove venivano tutte queste sensazioni.

Quando si è giovani, non si ha la minima idea della connessione intestino-cervello, e di come anche le malattie autoimmuni siano principalmente un segno di uno squilibrio intestinale.

Tutti conosciamo l’importanza di una dieta sana, ma onestamente, io stesso, non ero davvero consapevole che anche ci potrebbero essere alcune sensibilità alimentari che possono causare diversi sintomi, anche se quegli alimenti erano apparentemente un’opzione sana.

E dopo diversi anni, ho capito che tutti quei sintomi che avevo erano in realtà una reazione ai cibi, così come l’ansia, e se avessi potuto mettere da parte Gluten da anni, ma impariamo solo dopo aver percorso il cammino.

Alimenti che hanno un impatto negativo Ansia e Hashimoto

Dai recenti cambiamenti dello stile di vita e della dieta che ho fatto per me stesso, sono diventato un grande sostenitore della connessione cervello-intestino e di quanto sia importante trovare gli alimenti che stanno causando infiammazioni nel nostro corpo.

Per le persone con Hashimoto, è abbastanza semplice eliminare il glutine dalla nostra dieta, dal momento che contiene Gliadina, una proteina che è simile al tessuto Thryoid, e un sistema immunitario confuso eliminerà la gliadina se è filtrato al flusso sanguigno, e anche attaccherà la tiroide.

Il glutine ha anche un impatto sul cervello, e deve essere eliminato dalla dieta se si presenta l’ansia.

Quando ho iniziato la mia dieta personalizzata grazie al test delle sensibilità alimentari che ho fatto, è stato più utile che indovinare quali cibi dovrei mangiare.

La maggior parte delle persone dirà che il cibo “X” o “Y” farà male all’ansia e all’Hashimoto, ma come penso, ognuno di noi è unico, e ciò che colpisce me, potrebbe non colpire voi.

Pertanto, prima di continuare su alcuni altri alimenti da evitare, prima vi consiglio se è nelle vostre possibilità di fare un test di allergia alimentare o test di sensibilità alimentare, o un test che mostra se avete qualche reazione autoimmune.

In questo modo puoi avere una lista personalizzata di cibi che fanno bene e male per te.

Potete controllare la mia lista personale alla fine del post.

Alcuni altri alimenti da evitare secondo il libro This is your Brain on Food sono i seguenti.

  1. Carboidrati ad alto IG come riso bianco, pane bianco, patate, pasta
  2. Caffeina
  3. Alcool
  4. Dolcificanti artificiali

Inscription TSH con prodotti e ingredienti contenenti vitamine per una tiroide sana
Dado brasiliano, mix di dadi

Alimenti curativi per Ansia e Hashimoto naturalmente

Prendersi cura dell’intestino è un aspetto importante da seguire.

I probiotici come il kefir e lo yogurt sono sostenitori dell’intestino.

Consultate anche il vostro medico per gli alimenti o integratori contenenti glutammina che potete prendere, perché aiuta a rigenerare il rivestimento dell’intestino.

Il selenio è un minerale importante che sostiene la tiroide, quindi le noci brasiliane sono una buona fonte naturale di selenio.

La dottoressa Uma Naidoo raccomanda la curcuma come spezia da usare negli alimenti per le sue proprietà antinfiammatorie e altro.

Anche se non si tratta di cibo, fare bagni di sole e migliorare la vitamina D è anche fondamentale per la salute mentale.

Ricordate che il nostro obiettivo è quello di ridurre l’infiammazione dell’intestino e del cervello.

Personalmente ho un programma di succhi e frullati naturali che amo bere ogni mattina per aiutarmi nel mio viaggio di guarigione Hashimoto.

Prendo succhi verdi (spinaci, uva verde, kiwi, sedano, spirulina, mela verde, acqua), frullati di frutti di bosco (fragola, mirtillo, mora e lampone, latte magro o latte di cocco) e banana con cacao biologico, cannella in polvere, noci, pavoni e latte di cocco.

Tiroide, ansia, chakra della gola, c'è una connessione?

Sì, c’è una connessione.

Uno dei miei problemi di salute, il nodulo alla tiroide, credo anche che ho questo problema a causa delle mie emozioni.

Non sono stata una persona molto espressiva e questo mi ha certamente influenzato a lungo termine con il mio problema alla tiroide e la mia salute mentale.

Mentre continuo a percorrere il mio viaggio di guarigione dall’Hashimoto, mi fido di più della natura e della spiritualità, piuttosto che essere completamente credente nella scienza.

Corpo, Mente e Spirito sono collegati e se non lo vediamo come un tutt’uno, potrebbero esserci aspetti che non guariranno, anche se stiamo facendo tutto bene come ha detto il medico.

Quindi, quell’ansia ha probabilmente un profondo significato spirituale dentro di te.

Anch’io sono sulla mia strada per imparare di più sulla spiritualità, e non scarterò questo argomento solo perché non è una “prova medica o scientifica”.

Alcune raccomandazioni sono di cantare o di fare un diario.

Quindi, anche questo blog mi ha aiutato a documentare il mio viaggio di guarigione dall’Hashimoto, anche se il mio sito è più orientato al marketing e all’imprenditoria, ma se aiuta qualcuno con la mia esperienza, ne sarei più che felice.

Ma certamente, imparare davvero ad esprimermi e non tenere dentro di me emozioni negative e positive è una cosa su cui lavorare.

Test delle sensibilità alimentari per creare la tua dieta Hashimoto

E probabilmente questo è un altro dei test più importanti da fare se hai la tiroidite di Hashimoto.

Il fatto è che in generale questo test potrebbe essere abbastanza costoso.

Quindi, se andare in un laboratorio per testare le sensibilità alimentari e vedere quali alimenti creano una reazione anitica non è un’opzione al momento, allora si può iniziare creando una dieta di eliminazione.

Ho fatto questo test in Germania, ma il mio medico qui in Messico avrebbe chiesto anche il test delle sensibilità alimentari.

In generale, si raccomanda di lasciare fuori glutine, latticini e uova, ma ogni persona è diversa e unica, e ciò che potrebbe avere una reazione su di me, potrebbe non essere lo stesso per te, quindi ascolta il tuo corpo.

Nel mio caso, la caseina, una proteina che si trova nei latticini, non era nella mia lista di reazioni, inoltre avere un bicchiere di latte magro per me non è un problema.

Qui condivido con voi la lista degli alimenti che ho reagito per gli anticorpi.

Il gruppo 1 è il cibo che posso mangiare quotidianamente. Il gruppo 2 è cibo che potrei intercalare. Il gruppo 3 è un alimento con reazione anticorpale moderata. Il gruppo 4 è un alimento con un’alta reazione anticorpale.

Cerca le tue cause di Ansia e Hashimoto.

Per concludere, la maggior parte delle malattie autoimmuni hanno le loro cause profonde che sono quelle che mostrano i sintomi.

Se siamo in grado di scoprire ciò che ci colpisce ad un livello più profondo, saremo anche in grado di ridurre qualsiasi problema come l’ansia.

Come detto, io sono più sul lato della natura che su quello medico, e non credo che l’uso di antidepressivi e ansiolitici sia una vera risposta per guarire davvero dalla radice.

Penso che la medicina convenzionale possa aiutare come cerotto, fino a quando non si scoprono le cause profonde, ma non sono la soluzione.

Quindi prendetevi il vostro tempo per guarire, proprio come me che sto prendendo il mio tempo in questo viaggio dove ci sono stati alti e bassi, ma mi sento molto meglio da quando ho iniziato un lavoro di guarigione con un medico di medicina funzionale.

Mi sto prendendo cura delle carenze nutrizionali, sostenendo il mio corpo con alimenti e integratori, e una bassa dose di levotiroxina Karet, una marca messicana, che per me è stato meglio che prendere la marca Eutirox.

Quello che funziona per me probabilmente funzionerà o non funzionerà esattamente per te, ecco perché è importante che tu lavori a stretto contatto con un buon medico per creare il tuo percorso di guarigione.

La guarigione non è lineare
Più su Body.