Sintomi psicologici della tiroidite di Hashimoto | Superali!

Se stai prosperando con l’ansia e la depressione, allora non biasimarti, lavora sul tuo intestino per superare i sintomi psicologici della tiroidite di Hashimoto.
Sintomi psicologici della tiroidite di Hashimoto
Scritto da

Questo articolo è disponibile anche in: English Español Deutsch Italiano Português Français Русский 日本語

Indice

PNG  IHDRmPLTEefgfffdhjfffeghffffffdhkbkpdgidhjeggfffdikffffffffffffffffffalrdhkfffffffffffffff_nxRvffffffffffffchlfffffffffOwfff[t^r~ffffffffffff]sffffffffffffUr`r|fffOzTtffffffffffffbyffffff@`ffffff\s` fffP??{Azfff_V_DxLza{fff_fff^:~`fff` `QLFKO"&fffa]{_W^ET_UT(_#?'@-`a\(UM35:]fffN_:G5V8N3)60U_-V_G*5fff" E`T_/_L3)M4^"&@@G@R219*1D0;2I?C1NA5tRNS( ?O9.~$Fxo 3WN4*-͞7'jT=Sg8ۣzk[F0skqhbq_Y>îe_SٔodLICؿ]ZǺ{_OIµ˶DŸwʦЯ"<<'gIDATxMHag\t-ͯJ4S4/#RJ0mVXfVPGAQAn]!A=[n .FK qޙgvc1by?׾5oT{J,UyZ;0-לV%e*[IuVr )1=?RNb GE\r׀60 88暷 ې:Y vnU.ڭ\\l=vUMd`.dз;7*y[mtiCZ!|w ŌaC] **0RJuW&0rs:~hAIeFvoFPRnZK͚ט &WPQ1D$dݰn]wi-Ϊdjsm.RrY6hw6t#!&RZ>hر PRT&;,/*Til9X2AImAV@Y-m7Bv]BT@p#w8 BdݓMHem# h&A]|n.fe.l(#4BJO KS,چGFnXPIc2AK!:N{::A|A&U1@LNہT@f8 tTTTeXAϼ0>lB"*6>֡2; }r1s~Y 芹O[;~T&'6&Ow\mlk0lTV Q.lt1;접O>Ybݱww7؊Tvm:fg O&*+ ڑG\vޛq\Q!Alqdm3F.!!j;csR'Ϸܔ1וEbB d9n`<9>r ;vKqj̀JK2dloq.wPǩ!}@&O[Gc8qx{YqkLJ},xfy%;YRN7cPǷFT*'U'{Xy!qd}R|iB`0fb\z;^)@5{4Ybw̎`|89"/f`0qJ]Rș s:PNf^>6r9ðUY*% Z>惏NweMe<ˢ\6R3d~0eTm"h&GxbXڜ:^;vPuhS9zjew@}G&'czI*y=%l$f(h;ߎ߾}LW.fLJ\vxh3ege$JEg=@1qd;~%?Pn=𸧧F ؄jVpܕۭ*9xuO}Af;N49Go_pѵX3*J(\jj*Jױ;_Ą{u8ul?_w@H:uzf t8p}zP9tMSm!ι^5ގGF<'X: J|@֕/_>y|r@ 'Pnx;󨨪8Ʊr̖!+:iPia!XvPR)4\rϥIͥ4K\p+9.KINhe{}s|Ùgソ.ԣBC1Y}9**ZT2߸t/Jek"e'\R9T6.Ic^%Y &)vhuč Gڎ=#FeVl4ܹszglmʙxR&w1j &0zFx{‘6X]= /7?Lq<}zcPÇ9Y88Uz&;{l`F-vdF9ّc $hctp<XMx\xzɖ̅HhcX۾pד=rխ3l1ozFkҒ [sÄ^g<go] GL!?ueN]ĎY5XSxq3r9>aϹtxxh4HgQQlMHcE.!g9z,ǚ^WƑL.ŀNEg6xZ'cO? 9 r I|zjsV '7xu%ǿT۝2Od̰]0rm Mc[Lv-WM29d&'"|zٶ#kk}82#kΑ#n}s{}@1%y rBtB[982'Ǐm@#:Aވo~*tZrM_~@8%doX`D9օGd9 Lr̰iK!.CtA9 Fce*~kSZƢ/x%G?x0\89> 8NRJUMc w8vfSS1QL-fF9MKN G6Ρ9 [aMLY_Am ߡ;j}=@p#ˑ4ǁ z/؁1?c? +"GDOq8D3L@)EuzȘ*=Ԏ:h[鑮W;W!V0jEXʹmFL=hQuuV?f{Q Btqy?R8mG27z9T~ @Ϗ'q%>p̳O\;c6XrĽQdXͬ8tW5`9,G$.T91c;/7Y#LV)Ws9]v34BtzO# P[:v즕nĎ#fmrxgqJ18xr08τ5'4r[]V1. ̠趣sqkc ÷džUĎ +02n%DŽvDY+Vh;U6:^T_Eؙdkpq\M.8&pDVuML;X#>`$vD9vU帅E5NkZyBq> F;Q;( (;#ÑM5ȘKK)fhNƐmVMZN3PvwY)v,縞5\4:^01vp0qzvXѺQ97͎#Hq|AQqSk JT)G&( `j[]/I*jĺD?M{kiq1;V@;G9"jZMio#av|aSN]G9YG6 fjW9~|z׎{ G'Pɪ PKJb5LUȖけ/=Gf#`D;<}`'M*8:QpQ1;e_j2ʱTPKV/9 bh#iH]zdcI{2g8R.sԮy v9*2#"p8Br~^ell+cϽѤK[s~vd9**ʱg*+qkPZ#8R4gGveWh fJѺ؍lTڎW!J68 űrF8b[sfi)uMKc2v8 9.0NE(ǩJ=#7ԋSbiaњu'Z`1 W["ʁEM R91 <*uar˙C Hʱpđ]MF* MsR\]%K$8N8n bjQoٔGV-re*Hs U9k󙕄|rq,8Uc\h9х&0PAU<bY&S*8?Y$ณ) 1vj~ԯCsq(±r 09H<-!(~f&r59fǞjrLh8PsG#c>kYR_KCƄRP̺{h0N3"`=,Fܰhp$v5L0ڄr\ ^Ց8rk 5/g ׁСX(]kLM,Gbǰ#'Tqj!S((ҾpDkTPHDZbz WGMG-s4t(w 8/m(HA1AJ8qNgZq*t A7^$)t!GoDKVlfr,Ze,G1o;-,.VE1ꄈ#h:svG4;C3v{@J=$7(aj‘s\ФO8QWc:pݬ:ui#QQ>Qc IJ$4Wq D]y9KV㄀ Uz3troXpdb@8̱ G&بk4?r !s,r‘mQOc@9ƹN+W{^P8\*p48hr 09`1x J_V]0\d8iw#"a>>@n÷#A8N 9+w|qlOOAn6[oy̤ys|Ax@Gn#8#Rdr|x#>Uv koWokTVϱG~q t 9'G=T^9t'ƑMdN vcjGh Ȭ܅1S7u#z>"k5㲘Kt+qԵ0L?i1U>^ #En #qвOsƯ_X@p2w9Sr9>FnL5Cc) z}m sB?%'>7 ሕ9d#ֻ7JwCG"c' 2W9,`M|s[P4ǨJ䈹6U@8n.AXPp|@:*.4&_-0jPֵOH]p$ѲJoR/ΡYd૜>Џ #p,˂4j oSF(f8*uwf1.Ea_U3Kk7j"C}7=vZ3c.FlD/"^yOވ'mi{Em4s>3MpQ1@ї ü}z4OAp~URū0G\-qmу[r:zOqT?BADܖ9ЙN}dD煰ƨ|-ۣ[,')yD/Ԡ~jS% ,F}LϠ(j8JqiN1]w,Ï$#Q A;>dGK=AE鞵݇ fd_P;gi͸: x< @$5lT,Mwy7;sz(Hvr qO6r.2FA$iN9e<lڪXk/1/czүsIGRq0UZ`9-x.$^$q3D#nҪWy hP,".dx[;;whnPƦ*F;[QMf,!j'msOWQ1QqaA KA7:Ea޴瑰<3D%RveYHd,$FHGeHKV[O=´ +["KY*Q֏JH62Tt&&H<8фxDT%{ڒ_uU^x1φ(Cr=L`:{qYv@rytj[:3br9q@E5ɥ=p^r4#C+CB(aM(Hk'\ v #FX9~X] jZRq|. OI8o 2ook+Mu8Θ"m86!^oVXA`7Op^Ҫv S5~;8tS#@ٻOo&.h~+ g欓7yH{_^"+/,0G/'OKW_={Ol*&UE=їUc&{pc OX#E1یA3e-#Km!z=1zlF1py5f^A[jVEqO91{|rfӹI$z\d^o8F&$*ڭN~CseSD # X<)9ӵ7O;ݔκSFj݂HެIy19F<Mf+m@GEnKڸiiQWxthI[0Ƌ|B:qȣHHyV;h"5𡀧hx@l:`:F}s΋#C<˰bƁQ28Q];FEG3.cicA֟V1(6B@.ݣ.qB8ٔ?uX%ӱfJMSFNHͪ;;"xpY9PFcGխ[w~F5ѭp) a<Vqq1ys/b+Dz[DDpħqb 7ѓdQh70tƤ{e-:x,GuX.S^ o\~u֮q4Pz-X>#-f[ܳRVWDX5JWKnhժţh)[6~Ml6>rvTa60 ֫cENRMtp)5(nSPun$L˫Tis@!۴ Zup=wzwK)7(O N0u!ıvØH +}^2e&խ2!/VӍ֟OLs2kS(,U$*BIENDB`

Breve storia pre Hashimoto - Sintomi psicologici di Hashimoto

Tempo prima che mi fosse diagnosticata la Hashimoto, avevo questo problema che a volte provavo ansia o avevo problemi di salute senza una buona ragione, ma non sapevo perché.

Avevo la sensazione che qualcosa non andava nel mio corpo e che dovevo andare urgentemente dal medico.

Avevo circa 22 anni quando ho avuto questa apparente voglia di andare dal medico per controllare perché non mi sentivo bene. Ho fatto alcuni esami del sangue e del cuore e tutto era normale.

“Potresti essere sotto stress a causa del tuo viaggio o del cambio di città” ha detto il medico. E io ci ho creduto, e ho continuato la mia vita.

Un paio di anni dopo, quando avevo 24 anni, ho iniziato ad avere dei dolori nella parte interna sinistra dei miei addominali. Ho pensato che qualcosa sta facendo male al mio intestino o al mio stomaco. Ero abituato ad avere la gastrite e ho sempre dato la colpa al mangiare piccante o a certi cibi.

In quel momento ho deciso di andare da un gastroenterologo, è la cosa normale da fare, no? O almeno, ci viene insegnato ad andare dal medico se non ci sentiamo bene.

Dopo la visita, il medico ha chiesto di fare un’endoscopia, e poi ha scoperto che avevo un’ernia iatale, e che ho bisogno di un’operazione. Ero sorpresa, ed ero ok, è quello che ha detto il dottore, facciamo quello che ha detto il dottore. (Mi sbagliavo di grosso) E ho anche chiesto un secondo parere a un altro medico, e lui mi ha detto: “Beh, sì, hai un’ernia iatale, fai l’operazione”.

Settimane prima, durante un potenziale incontro d’affari con un uomo di circa 60 anni, mi ha detto, “quando uno fa il primo intervento, poi altri problemi vengono a posto”, sicuramente avrei dovuto ascoltarlo meglio in primo luogo, ma ehi, non era il medico e non era lo specialista, cosa poteva sapere.

Ma la verità è come la frase: “Colui che non ascolta i consigli, non arriva all’età avanzata”, qualcosa del genere in spagnolo. (Certamente, avrei dovuto ascoltarlo meglio del dottore).

Il giorno dell’intervento, ricordo chiaramente l’infermiera che mi disse prima, dopo aver controllato le mie analisi, “sei così giovane e stai già facendo un intervento, hai analisi perfette, sei così sana”. Ma dentro di me pensavo: “Allora perché non mi sento bene”.

Il sugery ha funzionato bene, è stato anche come un bypass gastrico, e dopo diverse settimane mi sentivo bene. Niente più dolori allo stomaco o all’intestino, e anche niente più gastrite.

Una sera, dopo aver mangiato sushi con un bicchiere di tè freddo, ho iniziato a sentirmi piuttosto ansioso. Mi sembrava di avere una certa pressione nel petto, e potrei anche dire che mi sono sentito drammatico. Così siamo andati all’ospedale, hanno controllato il mio battito cardiaco, era a posto, e mi hanno iniettato una cosa calmante.

Ma ancora una volta, mi sentivo estremamente ansioso, e naturalmente i medici hanno detto, “sì, probabilmente è stata una grande reazione allo zucchero del tè freddo”.

Alla fine, un anno e mezzo dopo l’intervento di ernia iatale, mi è stato trovato un nodulo tiroideo, e lì ho iniziato la mia strada per trovare un trattamento migliore per l’Hashimoto.

Potete leggere questa storia nell’altro articolo.

Ma il punto è che non sapere di avere una condizione autoimmune, potrebbe rendere davvero difficile scoprire le cause profonde, o le cause sottostanti che hanno l’effetto sui sintomi psicologici di Hashimoto Thyroidits.

Le cause alla radice della tua condizione autoimmune o della tua tiroidite di Hashimoto spiegheranno meglio perché ti senti ansioso o depresso.

doctor reading a coronavirus patient medical chart

Non dare la colpa alla tiroide!

Una volta scoperto che abbiamo la tiroide di Hashimoto, potremmo semplicemente prendere la levotiroxina per riportare i nostri esami alla normalità.

O anche se mostriamo il TSH, T4 e T3 in leve normali, allora ci chiediamo ancora, cosa c’è che non va in me!

Ed è successo a me, e sicuramente è successo ad altri combattenti di Hashimoto, che ti vergogni con te stesso di non avere energia, di non sentirti bene, di non sentirti felice, di sentirti triste più volte, che addirittura sei portato a uno stato depressivo.

Non so come si sentono esattamente tutti, ma di sicuro da quello che ho sperimentato osservando le persone con condizioni mentali, dirò e affermerò sicuramente che le loro condizioni di base non sono trattate adeguatamente.

Nella tiroidite di Hashimoto, quella incolpata è la tiroide disfunzionale, e non lo è!

Come potete vedere nel post ben illustrato di Rachel, mi è piaciuto come mostra davvero come ci potrebbero essere diversi problemi potenziali che stanno generando i vostri sintomi di Hashimoto, e probabilmente anche i vostri sintomi psicologici.

Ed è così, sperando che la levotiroxina risolva tutti i nostri problemi è una soluzione incompleta per lavorare davvero su un vero trattamento di Hashimoto.

Quindi non incolpate la vostra tiroide per sentirvi ansiosi o depressi, cercate le cause sottostanti per scoprire il motivo per cui vi sentite così.

Non credere completamente a quello che dicono alcuni medici! Dovrebbero portare speranza, non paura!

E beh, devo dirlo, ho iniziato ad avere un po’ di odio contro la scienza, perché seguire quella strada mi aveva reso più cattivo che buono.

Ero solito seguire la strada comune del “È quello che ha detto il dottore, è lui l’esperto”. Non più.

Beh, cara o amico, certamente ci sono molti medici che rimangono sulla strada che gli è stata insegnata perché la scienza o gli studi hanno dimostrato che quello è il modo in cui l’Hashimoto dovrebbe essere trattato, solo con levotiroxina per tutta la vita.

E come ho sentito una citazione di Jiddu Krishnamurti, filosofo indiano che parla di Kundalini, “citando qualcun altro, torniamo all’autore dell’errore originale”. Come essere sicuri che i medici stiano effettivamente seguendo il giusto percorso di guarigione di qualcuno che ha Hashimoto, e che non siano in realtà gli autori dell’errore originale.

Se i medici non eseguono il test degli anticorpi, c’è già il primo segno che il medico non sta cercando una causa principale per vedere se c’è una reazione anticorpale, ma come si fa a saperlo se si conosce appena l’Hashimoto.

Poi, alcuni altri test come le sensibilità alimentari, i livelli di vitamina D e B, più altri test che possono mostrare carenze nutrizionali.

E ancora più terribile se il medico dice solo che “Hai la peggiore forma di ipotiroidismo, i tuoi occhi potrebbero schizzare fuori e presenterai un gozzo”. Ho sentito questa storia da una donna che ha appena fatto il test del TSH, T4 e T3. Spero ancora di vederla in futuro, perché ho raccomandato il test degli anticorpi per confermare se ha l’Hashimoto, ma all’inizio le sue analisi non erano normali.

Certamente, ascoltare questo da un medico non è uno che porta speranza, piuttosto paura su quella donna. E, naturalmente, un impatto sul suo benessere mentale, e come conseguenza la depressione o l’ansia della paura del futuro.

Quindi, come raccomandazione, se il medico con cui state lavorando non vi supporta, cambiate.

Nel mio caso, trovare un medico di medicina funzionale, è stata una decisione migliore, dal momento che è stato più come un vero alleato, e sono stati una buona guida per continuare a lavorare sul mio miglioramento della salute. E di sicuro non mi ha portato la paura.

Lavora sul tuo intestino!

water tube meme stopping problems

E perché meravigliarsi che l’ansia e la depressione sono i sintomi psicologici più comuni della tiroidite di Hashimoto, l’impatto che il cibo ha sul nostro cervello è enorme.

Ho aggiunto quel meme del tizio che cerca di risolvere i suoi problemi mettendo del nastro adesivo, e per i Sintomi psicologici è lo stesso.

Non credo che gli antidepressivi risolvano il vero problema o la causa principale, e come l’immagine, quei farmaci non risolveranno il vero problema, lo maschereranno soltanto.

Ladottoressa Uma Naidoo, psichiatra nutrizionista, e anch’io direi lo stesso, che il cibo ha un impatto enorme sulla nostra mente.

Lavorare sulle sensibilità alimentari sarà la chiave per ridurre e mantenere in remissione tutti i sintomi, anche quelli psicologici dell’hashimoto.

Oltre a lavorare su alimenti che guariscono l’intestino come i probiotici come il Kefir, è importante migliorare altre carenze nutrizionali.

Nel mio caso, sto anche lavorando per ripristinare la vitamina D, la vitamina B, lo zinco, il rame, il selenio e il pregnenolone.

Non lasciate da parte la mente, il corpo, l'anima che cercano l'equilibrio!

E qui è importante parlare della nostra connessione di tutto il corpo con la nostra mente e la nostra anima.

Se il nostro ambiente non è di supporto, allora sarà più difficile lavorare sulla tua guarigione.

Per me, certamente tornare in Messico dalla Germania ha avuto anche un impatto emotivo.

Ho amato e amo il tempo trascorso in Germania. I miei livelli di vitamina D erano molto bassi, e la Germania non è certo nota per essere un paese con tonnellate di luce solare.

Ora di nuovo in Messico, anche essere troppo vicini da problemi familiari non è stato certamente un bene per la mia guarigione e il mio benessere emotivo.

È qualcosa su cui sto ancora lavorando.

Anche nei percorsi spirituali, ci sono quelli che dicono che bisogna mettere al primo posto i propri bisogni e desideri, piuttosto che quelli che si amano.

Se non hai ragione, non puoi avere ragione con chi ti circonda.

Probabilmente, per me, come empatico, è difficile pensare di essere egoista, ma posso dire che è necessario in modo che tu possa continuare a lavorare sulla tua guarigione.

Hashimoto Thyroidits è di solito un segno di una malattia del Chakra della Gola, e per guarirlo, è importante esprimere se stessi così come si è.

Ecco perché condivido qui il mio percorso, perché per alcune persone con Hashimoto, o probabilmente la maggior parte di loro, ogni volta che diciamo che non ci sentiamo bene, che qualcosa non va, siamo abituati a essere zittiti, e non nel senso di persone che ci urlano direttamente, ma indirettamente ascoltando parole o frasi come: “Questi sintomi sono nella tua mente”. “Sei solo sotto stress”. “Sono stato ipotiroideo e posso mangiare tutto, devi solo rilassarti”. “Devi pregare di più”.

Probabilmente non sono queste le parole che vorrei ascoltare.

E, beh, nel mio caso voglio solo dire che non sto bene, ma dato che chi ci circonda non ci ascolta davvero, preferisco lasciare quel sentimento di tristezza, preoccupazione, paura, rabbia, dentro di me, e dato che non ne parlo molto, il corpo deve tirarlo fuori in qualche modo.

Ecco perché anche Hashimoto è considerata la malattia della comunicazione.

Portare il sé superiore in un ambiente oscuro ci rende solo più forti, perché ci occupiamo di Hashimoto, ma certamente viviamo anche lavorando per la cura di noi stessi, i nostri bisogni, sogni e desideri.

E no, non stiamo cercando che la gente provi pietà per noi. Personalmente preferisco solo essere ascoltato e basta.

Probabilmente è il momento di fare di nuovo un po’ di lavoro spirituale.

Come riassunto per lavorare sui tuoi sintomi psicologici di Hashimoto ti consiglio di trovare le tue cause alla radice di Hashimoto, trovare un medico di supporto, può essere un medico di medicina funzionale o qualsiasi altra cosa che sia un vero medico umanizzato e di supporto, lavorare sul tuo intestino e le tue carenze nutrizionali, prendere la tua luce solare e anche integratori di vitamina D e B, non fare troppo esercizio fisico perché anche troppo esercizio porta lo stress al corpo, tagliare legami e relazioni tossiche, e fare qualsiasi pratica spirituale in qualsiasi forma. Potrebbe essere lo yoga, la meditazione, la preghiera del rosario.

Quindi sarò molto felice se questo articolo vi aiuterà, se avete bisogno di una guida, o di condividere esperienze, contattatemi.

Più su Body.