Carlos-barraza-logo-50

Come posso aiutare qualcuno con il morbo di Hashimoto?

Avere una condizione autoimmune fa schifo, e non è facile affrontare i flare up che possono andare e venire.

Mentre le persone con Hashimoto prosperano per lavorare sulla loro guarigione, è importante che la rete di supporto sia effettivamente un supporto e non un fattore di stress.

Come posso aiutare qualcuno con il morbo di Hashimoto
Scritto da

Questo articolo è disponibile anche in: English Español Deutsch Italiano Français Русский

Indice

Il mio caro ha la Hashimoto, cosa devo fare?

E questo è il punto, non dovreste fare nulla.

Non si dovrebbe indovinare quale potrebbe essere stata la causa del sintomo x o y che la persona aveva.

Una cosa che personalmente mi infastidisce, è quando i miei cari iniziano a fare il “medico indovino” e iniziano a parlare come “hai avuto questo sintomo a causa di questo o quello”.

Una persona Hashimoto durante il suo percorso di guarigione sa esattamente cosa può aver causato un’eruzione, e noi dobbiamo affrontare i sintomi dell’eruzione, quindi aggiungere discorsi senza senso non farà che aumentare lo stress.

Se una persona Hashimoto chiede solo di ascoltare, o di stare da sola durante un’eruzione, per favore fatelo. Non c’è niente di male nel voler stare da soli, fa parte della guarigione della persona che vuole solo che la vampata passi.

Da solo sulla spiaggia
Tranquillo

I sintomi sono reali, anche se non li vedi

Un’altra cosa che mi ha infastidito e che dovrebbe essere evitata dalla rete stretta, è dubitare quando una persona Hashimoto ha un momento di depressione.

Dicevo che ho i miei giorni buoni e i miei giorni cattivi, e a volte è così.

Una condizione autoimmune porterà le persone come sulle montagne russe.

Per me, è stato difficile parlare e parlare delle mie brutte giornate, perché se dico che qualcosa non va bene, di solito la famiglia, suona i grandi allarmi e fa un enorme dramma.

Oppure si può dire che i sintomi sono solo una cosa sulla mia testa, che dovrei pregare di più, o che non dovrei stressarmi e preoccuparmi così tanto.

Di nuovo, questi non sono i commenti che io, e probabilmente molti Hashimoto, vogliono ascoltare.

L’unica cosa che vogliamo fare è semplicemente esprimere che qualcosa non va bene.

Come abbiamo imparato l’impatto del cibo, la cura del nostro intestino, e le carenze nutrizionali, dobbiamo solo saltare di nuovo in pista del viaggio di guarigione.

Quindi, di nuovo, se il vostro caro ha Hashimoto, ascoltate e non fate commenti.

Lascia che abbraccino la tristezza

Ed ecco una cosa che ho imparato molto più tardi nella mia vita.

Per ogni essere umano, va bene essere triste, arrabbiato e sconvolto.

C’è stata questa vita digitale illusoria che mostra principalmente tutte le persone che hanno una grande vita e si divertono nei social media.

È successo che è uscita una positività tossica.

Per avere equilibrio, dovrebbe esserci anche l’altro lato, quello negativo.

E l’essere triste ne fa parte.

Non bisogna nasconderlo o cercare di etichettarlo come depressione.

Penso che ci sia stata anche troppa spinta sull’etichettare i momenti brutti come depressione, dove la tristezza è stata ok per avere.

Come persona con Hashimoto, io, e probabilmente la maggior parte delle persone, abbiamo a che fare con le nostre montagne russe di emozioni e pensieri e preoccupazioni sul nostro stato.

Ha fatto sorgere la domanda: sono abbastanza bravo?

E ci sono stati momenti tristi perché un’eruzione appena appaiono, e ho sentito come, oh non di nuovo. E rallentiamo per un secondo, guariamo e continuiamo a camminare.

In questo percorso, e probabilmente per ogni persona, non solo autoimmune, si dovrebbe dare il tempo di essere triste, di essere arrabbiato e di essere sconvolto.

Fare il giusto lavoro di guarigione alla fine tirerà su la persona e la riporterà in carreggiata.

È una questione di tempo.

Più su Body.