Come essere un libero professionista | Vantaggi e svantaggi

Se ti sei mai chiesto come essere un freelance lascia che ti dica che stai iniziando a pensare fuori dagli schemi, e in questo articolo ti aiuteremo a farti un’idea più completa a riguardo.

Sapere non solo cos’è un freelance, ma anche cosa serve per completare il tuo profilo, e come iniziare in questo mondo.

come essere un freelance
Scritto da

Indice

Cos'è un freelance?

Un freelance si riferisce a un individuo che lavora in proprio.

Vale a dire, che non ha un rapporto di lavoro, ed è in grado di esercitare le loro funzioni a beneficio di più di un cliente, che deve assumere i loro servizi professionali.

C’è una differenza tra un freelance e un imprenditore, ed è che, in generale, il primo tende a lavorare per conto proprio, e a titolo personale, quasi mai dal punto di vista di una società o avendo partner commerciali.

Oltre a ciò che abbiamo spiegato sopra, vale anche la pena notare che la stragrande maggioranza dei lavori presi in questa modalità sono di tipo progettuale.

Cioè, assumono persone per un compito specifico che non ha una lunga durata.

Le aree di lavoro in cui un freelance può svolgere sono davvero troppe, di solito offrono i loro servizi per progetti che si svolgono puramente online (come nel caso del design grafico, della programmazione, e anche della traduzione di testi, o la gestione di reti sociali, tra gli altri).

Tuttavia, la modalità freelance è disponibile anche per coloro che hanno bisogno di eseguire le loro competenze di persona.

In questo senso, è più comune trovare progetti di organizzazione di eventi, tutoraggio, vendite, fotografia, tra gli altri.

Per molti è il modo migliore per sfuggire ai legami che si creano quando si deve rispettare un orario d’ufficio giornaliero, o si è legati a un importo fisso di reddito, poiché la paga in questa modalità può essere così attraente, ma un po’ difficile da ottenere.

Donna d'affari che lavora su un'amaca. La freelance e il suo spazio di lavoro.

Come essere un freelance

Se ti stai chiedendo come diventare un libero professionista, devi sapere che tutto dipenderà dalla raccolta di una serie di aspetti che ti aiuteranno a creare questo profilo in te.

Mentre la maggior parte di questo modo di guadagnarsi da vivere si basa sull’essere bravi nel settore in cui si opera, si dovrebbe anche tener conto di quanto segue:

Formazione professionale

Anche se tutti sappiamo che essere un libero professionista ha il vantaggio di poter iniziare senza alcuna esperienza lavorativa in qualsiasi azienda, è necessario avere conoscenze in una specifica area professionale.

Naturalmente, questo non è del tutto indispensabile, ma sarà sempre più attraente per una persona che ha un diploma tecnico, o una laurea, comprese le specializzazioni e i master.

Tuttavia, nella maggior parte dei casi è sufficiente avere certificazioni di corsi e diplomi che dimostrano la vostra conoscenza nel campo.

Capacità di vendita e autopromozione

Tra ciò che serve per essere un libero professionista c’è il fatto che devi avere una grande capacità di promuoverti personalmente, in modo da essere sempre alla costante ricerca di nuove opportunità di lavoro, e quindi non rimanere stagnante.

Inoltre, è anche importante sapere come elaborare offerte che siano attraenti per i potenziali clienti che si incontrano lungo la strada.

E tenete presente che, nella maggior parte dei casi, l’arte della negoziazione definirà l’ottenimento del lavoro a beneficio di entrambe le parti coinvolte, in quanto si impone, ma anche si dispone.

Puoi anche costruire il tuo sito web come Soyturedactor.com.

È necessario avere un portafoglio attraente

Per sostenere i vostri sforzi di vendita, dovete essere in grado di dimostrare a tutti i vostri potenziali clienti che potete davvero offrire loro la soluzione ai loro bisogni.

E, per questo, non c’è niente di meglio che avere un buon portafoglio di prodotti e servizi.

Un portfolio di questo tipo non è altro che un catalogo in cui mostrerete tutti i lavori che avete fatto, sia per altri clienti o semplicemente progetti che avete sviluppato come campioni (cioè, non è necessario che sia stato fatto su richiesta).

Come iniziare a lavorare come freelance?

All’interno di come iniziare a lavorare come libero professionista è il fatto che, la prima cosa che dovresti considerare, è quale servizio stai per offrire ai tuoi potenziali clienti.

Una volta che hai definito questo, puoi iniziare ad avere idee su come mettere insieme un portfolio che supporti le soluzioni che speri di vendere.

In questo processo di iniziare a creare un’immagine e una reputazione online molti passano anche attraverso il processo di definizione del proprio marchio personale, dando importanza alla creazione di un logo o di una firma, e, in questo modo, iniziano ad aprire profili sulle reti sociali.

Una volta che sei al momento di aprire i profili attraverso i quali i potenziali clienti sapranno di te, è sempre importante dettagliare correttamente tutte le tue informazioni, o almeno tutte le informazioni importanti.

Se possibile, includendo immagini di ciò che vuoi promuovere.

Tutto questo è della massima importanza per iniziare a lavorare come freelance, dato che molte aziende, prima di andare sul browser a cercare sui siti dedicati a questo tipo di contratti fugaci, prendono in considerazione i profili delle persone nelle reti sociali e quello che dicono di poter fare.

Una volta che hai una presenza sui social network puoi anche creare un profilo sulle piattaforme per il lavoro freelance, tenendo presente che le migliori sono sempre considerate Upwork, Freelancer e Workana.

Ma non sono gli unici, e più si appare in più, più alta è la probabilità di trovare progetti.

Tenete a mente che questo è un processo in cui si impara ad essere davvero il proprio capo, ad andare per quello che si vuole, e a dare al proprio lavoro il valore che merita.

Non è una strada facile, ma certamente sta diventando sempre più percorribile.

Uomo arabo pensieroso freelance che lavora da casa

Domande frequenti
su Come essere un freelance

Ci sono diverse opzioni per fare un lavoro da freelance.

Ci sono siti web di freelancer come Fiverr, Upwork e Freelancer.

Un’altra opzione è quella di contattare le aziende che potrebbero aver bisogno di qualche lavoro freelance e vendere i tuoi servizi.

Oppure, come detto, costruisci la tua presenza come uno scrittore freelance https://soyturedactor.com/redactor-freelance/.

Puoi puntare ad aziende meno conosciute che potrebbero anche avere bisogno di supporto in alcune aree freelance come il marketing digitale o l’ingegneria del software e offrire i tuoi servizi.

Ci potrebbero essere alcune aziende che potrebbero pagare bene o potresti iniziare con un pagamento basso, dipenderà dalle tue capacità di negoziazione.

Ecco alcuni esempi di lavori freelance che puoi fare:

  1. Direttore artistico freelance.
  2. Fotografo freelance.
  3. Designer freelance
  4. Copywriter freelance
  5. Designer grafico freelance
  6. Scrittore freelance
  7. Web designer freelance
  8. Reclutatore freelance
  9. Content Marketer freelance
  10. Sviluppatore software freelance
Per saperne di più sul lavoro a distanza.